Daily Archives: febbraio 19, 2017

Sindrome dell’intestino irritabile : disagi digestivi

Mal di stomaco, gonfiore, diarrea o costipazione, o l’alternanza dei due, sono i sintomi della sindrome dell’intestino irritabile. Una dieta è necessario, il che implica, in particolare, di distinguere tra fibre solubili e fibre insolubili.Sindrome dell'intestino irritabile : disagi digestivi

Sindrome dell’intestino irritabile : disagi digestivi

Per sbarazzarsi di digestivo disagi che caratterizzano la sindrome dell’intestino irritabile, è necessario evitare tutti gli alimenti che possono irritare l’intestino, che è a dire, quelle che causano iperstimolazione e una distesa grande intestino. Il primo passo è quello di mangiare più fibre solubili e limite di fibra insolubile.

 

Qual è la differenza tra solubili e fibre insolubili ?

Fibre insolubili sono irritanti per l’intestino e, quindi, tendono ad aggravare i sintomi digestivi in caso di sindrome dell’intestino irritabile. Accentuano il gonfiore, dolori intestinali, diarrea e, più in generale, gli sgabelli. Questo è il motivo per cui fibre insolubili sono limitato a persone che soffrono di sindrome dell’intestino irritabile. Al contrario, le fibre solubili sono morbido per l’intestino, perché stimolano meno il transito gastrointestinale e, quindi, aiutare a diminuire i disagi digestivi. Il loro segreto è che durante la digestione si forma una specie di gel. Inoltre, le fibre solubili promuovere il riassorbimento di sodio e acqua nel colon. Come risultato, le feci sono meno sciolti.

I primi sono quindi da preferire e ad essere consumati ad ogni pasto, i secondi il limite. Attenzione, la quantità di fibra solubile è di aumentare gradualmente la, per dare il tempo per l’intestino si abitua. Si raccomanda che il finale di una quantità di 20 a 30 grammi di fibra solubile al giorno.Quali sono gli alimenti ricchi di fibre solubili, per promuovere ?

Quali sono gli alimenti ricchi di fibre solubili, per promuovere ?

Cereali :

Il pane di segale.

Il pane di crusca di avena (non di grano intero, cereali, crusca di avena, farina di avena.

Orzo, farina di orzo, di grano, di orzo.

Il grano saraceno.

Verdure (meglio cotto) :

Carote, zucchine, zucca, asparagi, patate, senza la pelle di patate dolci.

Frutti :

Arancio, pompelmo, pesche, nettarine.

Quali sono gli alimenti ricchi di fibra insolubile, al limite ?

Cereali :

Tutto il frumento, crusca di frumento, pane di grano intero.

Il pane multi pane ai semi di semi di lino.

Tutta la pasta di grano.

Il bulgur.

Tutto il mais.

Il farro.

I cereali per la multi-teste di serie, di grano di Tipo All Bran.

Verdure :

Patate con la pelle, cavoletti di Bruxelles, broccoli, piselli.

Frutti :

Pera, mela, frutta secca (prugne, fichi, datteri), papaya.

I semi di lino.
Gli altri componenti della dieta, in caso di sindrome dell'intestino irritabile

Gli altri componenti della dieta, in caso di sindrome dell’intestino irritabile

Ridurre il grasso perché favoriscono i movimenti intestinali.Limitare i cibi che fermentano : legumi (lenticchie, fagioli, piselli…), cavolo famiglia (cavoli, broccoli, rape, cavolo, cavolfiore, Bruxelles…).

Evitare cibi che irritano l’intestino : verdure crude, lampone, kiwi, frutto della passione, succo d’arancia, succo di pomodoro, succo di pompelmo, caffè, tè, alcol, cioccolato, pepe nero, curcuma, zenzero, senape, coriandolo, cumino, aneto, ecc

Bere un sacco di acqua.

Godetevi i vostri pasti a orari regolari.

Quanto è lungo il piano anti-sindrome dell’intestino irritabile ?

Si raccomanda di seguire una dieta per circa un mese, e poi reintrodurre gradualmente i cibi esclusa o limitata. In questo modo, è possibile identificare alcuni alimenti che hanno dimostrato di essere più irritante per voi. Che cosa sono quelle appunto che si saranno adottate per limitare il più a lungo termine.